Marche

Conte attacca il ‘modello Marche’, ma arriva la replica della Lega

Marchetti: “Venga qui più spesso, magari riuscirà ad imparare qualcosa”

Da San Benedetto del Tronto è arrivata la stoccata dell’ex premier Conte alla Regione Marche. Immediata la replica del Commissario della Lega Marche, Riccardo Augusto Marchetti

“L’arroganza e la superbia di Giuseppe Conte suscitano una certa ilarità – attacca il Commissario della Lega Marche, Riccardo Augusto Marchetti – È chiaro che, a chi non è stato in grado di gestire ben due governi, resta solo il misero tentativo di screditare gli altri in ogni modo. La Lega in Regione Marche ha dimostrato con i fatti di saper governare riuscendo a mettere in atto il cambiamento promesso ai marchigiani due anni fa – sottolinea Marchetti – Ai promotori della politica delle chiacchiere, rispondiamo con azioni concrete. Abbiamo avviato una riforma del sistema sanitario che consentirà di creare una sanità di territorio, vicina ai cittadini e alle loro esigenze – ricorda Marchetti – Per quanto riguarda la scuola siamo stati i primi in Italia a sperimentare gli impianti di areazione all’interno delle classi. Siamo anche riusciti a mettere in campo misure che hanno favorito la ripresa economica sostenendo imprese e lavoratori e abbattendo la burocrazia in settori cardine dell’economia marchigiana come l’agricoltura.
Giorno dopo giorno diamo prova di essere determinanti in ogni ambito, dall’agricoltura alla caccia, dallo sport alla pesca, dalla sanità a scuola e cultura – rimarca il Commissario della Lega – Conte, invece di lanciarsi in giudizi fallaci al servizio di una propaganda elettorale di basso livello, torni nelle Marche più spesso e inizi a studiare il lavoro che la Lega sta portando avanti in Regione: magari così riuscirà a imparare qualcosa. Se i nostri assessori sono stati scelti da Matteo Salvini e inseriti nelle liste della Lega per le elezioni politiche del 25 settembre prossimo, è merito di ciò che in questi anni hanno dimostrato di saper fare in Regione – conclude Marchetti – La loro esperienza di amministratori è una garanzia non solo per i marchigiani, ma per il Paese, perché le loro competenze saranno al servizio degli italiani”.

0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*