Cultura Eventi

Marchestorie, pubblicata la graduatoria dei progetti finanziati

La filiera di governo regionale Lega continua a puntare sulla narrazione delle radici per la consapevolezza identitaria delle comunità: finanziati dalla Regione Marche i progetti del circuito Marchestorie. Lo comunicano per la Lega la segretaria regionale on. Giorgia Latini, ideatrice del circuito da assessore regionale, l’assessore alla Cultura Chiara Biondi, i segretari provinciali e i consiglieri regionali.

“Sono molto orgogliosa che Marchestorie abbia un consenso crescente da parte delle realtà istituzionali e associative dei territori – commenta l’on. Latini – Nato per animare i nostri borghi e restituire consapevolezza identitaria alle comunità locali attraverso progetti di rete, sta progressivamente assolvendo al meglio la sua funzione di narrazione del genius loci dei territori”.

“Questa sarà una terza edizione particolarmente creativa che ben si sposa con la vocazione allo spettacolo dal vivo della regione – aggiunge l’assessore alla Cultura della Regione Chiara Biondi –. Un successo che ci spinge a continuare nel percorso intrapreso. Vogliamo valorizzare attraverso le arti e i diversi linguaggi espressivi le nostre tradizioni e le identità locali. Come è stato fatto con le aggregazioni museali, guidate da 7 direttori, anche qui ritorna il concetto di rete, perché Marchestorie rappresenta un unico brand in grado però di raccontare e promuovere le peculiarità territoriali”.

“Marchestorie è una risorsa dell’economia della cultura marchigiana e un ottimo mezzo per incentivare quella socialità indispensabile a mantenere attive e coese piccole e grandi comunità – dichiarano i segretari provinciali e i consiglieri regionali della Lega – In un periodo storico in cui l’effimero e il virtuale dominano, il festival assume anche una provvidenziale funzione didattica per avvicinare i giovani alle proprie radici attraverso il racconto dal vivo. Per questo – concludono i consiglieri regionali – faremo ogni intervento possibile perché, con l’assestamento di bilancio, vengano destinati altri fondi al festival così da permettere al maggior numero possibile di progetti di essere finanziati”.

Il dettaglio dei progetti in graduatoria

Provincia di Ancona
Sassoferrato, Genga, Senigallia, Sirolo, Falconara. Ammessi all’eventuale scorrimento della graduatoria nell’ordine Castelleone di Suasa, Loreto, Offagna, Cupramontana, Camerata Picena, Monsano, Agugliano, Corinaldo, Staffolo.

Provincia di Ascoli Piceno
Cupramarittima, Montemonaco, Force, Montalto delle Marche, Ascoli Piceno, Monteprandone. Ammessi all’eventuale scorrimento della graduatoria nell’ordine Montefiore dell’Aso, Offida, Appignano del Tronto, Roccafluvione, Massignano, Castorano, Grottammare.

Provincia di Fermo
Servigliano, Amandola, Monte Vidon Combatte, Fermo, Porto San Giorgio. Ammessi all’eventuale scorrimento della graduatoria nell’ordine Torre San Patrizio, Montegiorgio, Montefiore dell’Aso, Sant’Elpidio a Mare, Monterubbiano, Falerone, Monte Vidon Corrado, Altidona, Monte San Pietrangeli Montappone

Provincia di Macerata
Montecosaro, Esanatoglia, Potenza Picena, Cingoli, Muccia, San Ginesio, Sarnano, Matelica Castelraimondo, Appignano, San Severino Marche, Gualdo e Civitanova Marche. Ammessi all’eventuale scorrimento della graduatoria nell’ordine Morrovalle, Pioraco, Pollenza, Urbisaglia, Pieve Torina, Mogliano, Montefano, Monte San Giusto, Penna San Giovanni, Corridonia, Petriolo, Montelupone Bolognola.

Provincia di Pesaro Urbino
Acqualagna, San Lorenzo in Campo, Cantiano. Ammessi all’eventuale scorrimento della graduatoria nell’ordine Mombaroccio, Colli al Metauro, Gradara, Terre Roveresche, Pergola, Montecalvo in Foglia e Piobbico.

0 Condivisioni

Commenti chiusi.